I nostri lavori

I proff. Katia Furlan e Maximilian Venerito invitano tutti alla lettura del numero 6 e dell'edizione speciale di "Non solo scuola", il giornalino della scuola secondaria di Tesero.

Scarica il numero 6

Scarica il numero 7 edizione speciale

 

Il laboratorio di arte e animazione opzionale del martedì pomeriggio, diretto dai prof Bucolo e Reggè, ha coinvolto alcuni studenti di prima, seconda e terza media. Durante la realizzazione delle animazioni l'aula  si è trasformata in un vero studio creativo nella quale ogni partecipante ha lavorato sia individualmente che in gruppo per realizzare il proprio progetto. 

Questo è il video riassuntivo delle attività che sono state svolte. 

Il lavoro è stato strutturato in più fasi:

  • progettazione e realizzazione di uno storyboard,
  • realizzazione grafica delle scene e dei personaggi,
  • riprese effettuate con la tecnica di animazione frame by frame e la fase di montaggio al pc con un software one source.
  • sperimentazioni con la tecnica del flipbook.

 

 

 

Nell'ambito della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che si celebra oggi, le classi terze della Scuola secondaria di Tesero hanno svolto un percorso interdisciplinare, coordinati dai proff. Giuseppe Bucolo, Maria Scopelliti e Rossella Luciano, arrivando a produrre un'installazione artistica, un piccolo articolo e due locandine. 

 

Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
Lunedì 25 novembre

Le classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado di Tesero hanno riflettuto sull’importanza di ricordare la ricorrenza della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, indagando le motivazioni culturali che inducono ad atti di violenza contro le donne e le bambine, reinterpretando l’installazione artistica Zapatos Rojas nel plesso scolastico.

Il 25 novembre di ogni anno si ricordano tutte le vittime di violenze fisiche e psicologiche. In questa giornata molte piazze si dipingono di rosso per sensibilizzare l’opinione pubblicae per mostrare il proprio sostegno verso le donne che ne sono state e ne sono tuttora, purtroppo, protagoniste.
A voler istituire questa manifestazione è stato l’ONU che, a partire dal 2000 con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999, si è impegnato a pubblicizzare questa ricorrenza.  Il 25 novembre è stato riconosciuto come data per ricordare e denunciare il maltrattamento fisico e psicologico su donne e bambine,  in ricordo delle sorelle Mirabal: le tre giovani donne furono condannate per il loro lecito opporsi alla dittatura di Rafael Leónidas Trujillo. Patria, Minerva e María Teresa Mirabal erano attiviste insieme ai loro mariti e facevano parte dell’associazione “14 giugno”, mentre stavano andando in auto a far visita ai loro compagni in carcere in compagnia di un autista, furono fermate dalla polizia, condotte in una piantagione di canna  da zucchero e uccise a bastonate. Poi, una volta uccise, i militari di Trujillo rimisero i loro corpi in macchina e tentarono di simulare un incidente.
Per la maggior parte del mondo il colore simbolo della lotta contro la violenza delle donne è l’arancione, infatti, alle volte questa ricorrenza, viene presentata anche come Orange Day. In Italia, però, che questa ricorrenza si celebra solo dal 2005, il più delle volte il rosso è preferito all’arancione.
Il simbolo, che oramai è diffuso in tutto il mondo, è abbandonare delle scarpette rosse nelle piazze per far riflettere e sensibilizzare l’opinione pubblica. Questo messaggio è stato lanciato per la prima volta da un’artista messicana, Elina Chauvet, la quale, attraverso una sua installazione, chiamata appunto Zapatos Rojas, ha fatto sì che questi temi toccassero molte città europee ed italiane. La sua installazione è il modo più facile e diffuso per denunciare la violenza sulla donne.                                                              

(Testo di Gaia Neri 3 A)
#nonunadimeno

 

 

 

STAVA - itinerario tra i ricordi

Lavoro svolto dalle classi seconde della Scuola Secondaria di Tesero a.s. 2018/19

Un grazie di cuore alle prof. Tavoletta e Boldrini da tutti gli alunni delle classi 2A e 2B a.s. 2018-2019 per la bella esperienza didattica offerta a loro con il lavoro "Itinerario tra i ricordi"  

 Il lavoro "Itinerario tra i ricordi" ideato nell'a.s. 2018-2019 dalle docenti Cinzia Tavoletta e Beatrice Boldrini con le classi 2A e 2B (attuali 3A e 3B) della SSIG di Tesero ha partecipato al Concorso nazionale a premi per insegnanti "Cesare Cancellieri" edizione 2019.

Il concorso vuole valorizzare il lavoro svolto dall'insegnante all'interno di una classe e la valenza didattica del progetto ideato dall'insegnante, figura spesso non sufficientemente riconosciuta e valorizzata.

Il lavoro presentato è stato giudicato meritevole di menzione speciale come comunicato nella lettera inviata alle docenti.

 

 Gentili Docenti Tavoletta e Boldrini,

 ho il piacere di comunicarvi che il lavoro “Un itinerario tra i ricordi” da voi presentato con gli allievi dell’I.C. Predazzo Tesero Panchià pur non avendo vinto, è stato giudicato meritevole di menzione speciale fra quelli partecipanti alla sezione “Valenza formativa dell’informatica”.

 Il seminario e la cerimonia di consegna dei premi si terranno sabato 16 novembre dalle 15:00 alle 18:00 a Mantova, nella sala degli Addottoramenti del Liceo classico Virgilio, con entrata in via Ardigò 13.

Mi rallegro vivamente con voi e vi invito a partecipare al seminario e alla premiazione.

Cordiali saluti

Maria Teresa Rabitti

Presidente

 

Visualizza Segui l'Itinerario

 
Progetto CLIL delle classi terze del plesso della secondaria di Predazzo a conclusione del loro percorso CLIL in Geography durato tre anni.
 

Le Prof.sse Cinzia Tavoletta e Beatrice Boldrini invitano tutti alla lettura dell'ultimo numero dell'anno di i "Non solo scuola", il giornalino della scuola secondaria di Tesero.
 
Pagina 1 di 2